Le Azioni ENI Sono Pronte A Raddoppiare In Borsa?

09 settembre, 2020

Riepilogo

Giovedì 30 luglio 2020, il gigante energetico italiano Eni S.p.A. ha annunciato i risultati del secondo trimestre 2020 degli utili. I numeri principali sono stati certamente piuttosto deludenti in quanto l'azienda ha mancato le aspettative degli analisti in termini di ricavi top-line e ha registrato una perdita trimestrale.

Certo, poche persone si aspettavano che una società energetica andasse bene dato l'attuale contesto di prezzi bassi. Non sono state tutte cattive notizie qui siccome l'azienda ha sperimentato alcuni sviluppi positivi nel suo portafoglio e possiamo vedere alcuni segni che la crescita della società continua, anche se ha visto il suo declino della produzione nell'ultimo trimestre. L'azienda ha anche preso alcune misure per preservare la sua forza di bilancio, proprio come la maggior parte delle altre società energetiche. L'ambiente rimarrà probabilmente impegnativo per un bel po'di tempo, ma Eni nel complesso sembra abbastanza forte per resistere.

Guardiamo i punti salienti del rapporto sugli utili di un'azienda prima di approfondire un'analisi dei suoi risultati. Ciò è dovuto al fatto che questi punti salienti forniscono uno sfondo per il resto dell'analisi e fungono da framework per l'analisi risultante. Pertanto, ecco i punti salienti del rapporto sugli utili del secondo trimestre 2020 di Eni:

  • Eni ha registrato un fatturato netto di 8,157 miliardi di euro nel secondo trimestre del 2020. Si tratta di un calo del 55,76% rispetto ai 18,440 miliardi di euro del trimestre precedente.
  • Nel trimestre in corso la società ha registrato una perdita operativa rettificata di 434 milioni di euro. Questo si confronta molto sfavorevolmente con l'utile operativo rettificato di 2.279 miliardi di dollari che la società ha riportato nello stesso trimestre di un anno fa.
  • Eni ha prodotto una media di 1,713 milioni di barili di petrolio equivalente al giorno nell'ultimo trimestre. Si tratta di una diminuzione del 6,60% rispetto agli 1,834 milioni di barili di petrolio equivalente al giorno che l'azienda ha prodotto in media l'anno scorso.
  • L'azienda ha fatto una scoperta di gas negli Emirati Arabi Uniti, una scoperta di petrolio in Messico, e ha aumentato la stima del petrolio prodotto in Angola a un miliardo di barili.
  • Nel secondo trimestre del 2020 Eni ha registrato una perdita netta attribuibile ai suoi azionisti pari a 4,406 miliardi di euro. Questo si confronta sfavorevolmente con l'utile netto di 424 milioni di dollari che la società ha riportato nel secondo trimestre del 2019.

Sembra abbastanza certo che chiunque esamini questi punti salienti noterà che la performance finanziaria di Eni è stata notevolmente peggiore rispetto al trimestre precedente dell'anno. Questo non è stato inaspettato e in effetti praticamente ogni azienda energetica ha visto cali comparabili.

La ragione principale di questo è stato l'epidemia di COVID-19. Come ci si potrebbe aspettare, ciò ha causato un calo della domanda di energia. La legge economica dell'offerta e della domanda implicherebbe quindi che ciò ridurrebbe il prezzo del petrolio e del gas perché la produzione di queste risorse non è diminuita nelle prime fasi della chiusura. Questo è esattamente quello che è successo. Come possiamo vedere, il prezzo del greggio Brent è sceso da 66,00 dollari al barile all'inizio dell'anno a 43,30 dollari al barile oggi:

Fonte: Business Insider

Questo naturalmente ha ridotto il denaro che Eni ha ricevuto per ogni unità di petrolio e gas che ha venduto. Come possiamo vedere qui, i prezzi realizzati della società erano sostanzialmente inferiori a quelli che aveva nel trimestre di un anno fa:

Fonte: Eni S.p.A.

Dovrebbe essere abbastanza ovvio il motivo per cui ciò causerebbe un calo della performance finanziaria di Eni. Dopo tutto, se l'azienda riceve meno soldi per ogni unità di prodotto che vende, allora riceverà meno entrate totali.

Come osservato nei punti salienti, Eni ha visto i suoi livelli di produzione complessivi diminuire rispetto al trimestre precedente. Ciò è stato in gran parte dovuto all'accordo di riduzione della produzione dell'OPEC in aprile in risposta alla minore domanda di risorse energetiche a seguito della chiusura economica.

Eni ha operazioni abbastanza significative in molti dei paesi membri dell'OPEC, quindi ha anche dovuto tagliare la sua produzione in queste nazioni. Ciò ha avuto anche un impatto negativo sui ricavi di Eni.

Una delle strategie che Eni ha utilizzato per resistere all'attuale contesto di bassi prezzi dell'energia è ridurre la sua spesa. Nel caso di Eni, l'azienda vuole ridurre le proprie spese in conto capitale di circa 2,6 miliardi di euro rispetto al budget originale. Si tratta di una riduzione di circa il 30% rispetto agli orientamenti forniti dal management all'inizio dell'anno. È importante notare che si tratta anche di un taglio maggiore rispetto ai tagli di spesa in conto capitale originali che la società ha annunciato alla fine del primo trimestre. Questo sembra essere un segno che la direzione si aspetta che i prezzi del petrolio rimangano soppressi per un periodo prolungato.

Eni ha inoltre ridotto i propri piani di spesa in conto capitale di 2,4 miliardi di euro nel 2021, rafforzando le caute prospettive a breve termine del management. Nel complesso, questa è certamente una buona cosa come appena illustrato perché aiuterà l'azienda a preservare il suo capitale fino a quando le cose finalmente miglioreranno.

Questi tagli alla produzione renderanno difficile il programma di crescita da parte di Eni all'inizio dell'anno. La ragione di ciò dovrebbe essere in qualche modo ovvia. Poiché Eni spenderà meno denaro per lo sviluppo di nuovi impianti, non avrà più il budget per lavorare su tutti i progetti che in precedenza stava progettando.

L’azienda si aspetta che la sua produzione sia in media da 1,71 a 1,76 milioni di barili di petrolio equivalenti al giorno nel corso di quest'anno. Questo è più o meno in linea con quello che aveva in questo trimestre. Si attende inoltre che la produzione dell'anno prossimo sia simile, quindi è improbabile che si veda una crescita reale a breve termine.

Eni non ha completamente abbandonato le sue ambizioni di crescita. Come possiamo vedere qui, Eni ha alcuni progetti in programma per essere attivi in ciascuno dei prossimi tre anni:

Fonte: Eni S.p.A.

Questi progetti dovrebbero essere in grado di far crescere la produzione dell'azienda ad un tasso di crescita annuale composto dell'1,7% nel periodo 2019-2023:

Fonte: Eni S.p.A.

Possiamo chiaramente vedere però che questa crescita è in gran parte proveniente nel 2022 e 2023. Non è certo una cosa negativa, in quanto la speranza è che i prezzi dell'energia saranno più forti in quel momento. Tuttavia, come già discusso, esiste ancora una possibilità che la domanda di energia non torni al livello precedente entro il 2022, quindi è possibile che Eni finisca per dover rivedere questi piani in futuro. Ciò dipenderà probabilmente da ciò che effettivamente fanno i prezzi dell'energia.

Eni non è solo la più grande azienda petrolifera d'Italia, ma è anche un'azienda elettrica in Italia e in Francia. Le utility sono tra le aziende più stabili in giro perché l'elettricità è considerata da molte persone come una necessità e la maggior parte delle persone da priorità a pagare le bollette al di sopra di altre cose.

Ciò nonostante, Eni ha visto la sua unità di generazione elettrica colpita dall'epidemia di COVID-19, anche se certamente non allo stesso grado delle sue operazioni petrolifere e del gas. La diminuzione è dovuta principalmente all'arresto economico del COVID-19 perché strutture come uffici, ristoranti e altre imprese chiuse consumavano meno elettricità di quanto farebbero normalmente.

 

Analisi dettagliata

Flussi di cassa Eni

Note Eni 1

Guardando i loro risultati per la prima metà del 2020, il danno della pandemia di Covid-19 è evidente con il loro flusso di cassa operativo che è diminuito un massiccio 64.04% anno su anno. Anche se hanno ridotto le loro spese in conto capitale di un significativo 39,38% anno su anno, non è stato ancora sufficiente a mantenere positivo il loro flusso di cassa. Non è stata una sorpresa la scelta di resettare completamente i loro dividendi, soprattutto perché è impossibile prevedere con precisione la loro futura performance di flusso di cassa. L’immagine qui sotto mostra la loro nuova politica di rendimento degli azionisti, che dato l'elevato grado di flessibilità dovrebbe garantire che la loro copertura dei dividendi sia almeno adeguata in media in futuro.

Politica di restituzione degli azionisti Eni

Fonte: Presentazione dei risultati del secondo trimestre 2020 di Eni.

Ogni investitore ha naturalmente diritto alla propria opinione; tuttavia, abbiamo difficoltà a vedere la necessità di una politica dei dividendi con tanta complessità. Hanno sostituito la loro vecchia politica progressiva dei dividendi con una che ha componenti sia progressive che variabili, ma la componente progressiva è anche legata ai prezzi del petrolio e potrebbe anche essere cambiata ogni anno a seconda dell'esecuzione del loro piano strategico. Considerati tutti questi avvertimenti, essi possono anche solo dire che il dividendo sarà quello che ritengono opportuno in un dato anno. A questo punto, non riusciamo a vedere lo scopo di avere tutte queste parti in movimento e non avere una semplice politica di dividendo variabile che paga una certa percentuale di flusso di cassa libero ogni anno.

Inoltre, non è stato particolarmente piacevole vedere l'inclusione dei buyback nella loro nuova politica, ma non è stato comunque sorprendente in quanto sembrano essere abbastanza comuni ultimamente. Non abbiamo nulla contro i riacquisti di azioni in generale; tuttavia, le società con utili altamente ciclici non dovrebbero perseguirli in quanto finiscono per condurre la maggior parte di esse durante i massimi ciclici. Ciò sembra certamente destinato a uniformarsi anche in questo caso, semplicemente guardando alla loro nuova politica e si può vedere che si verificheranno riacquisti di azioni e aumenteranno con l'aumentare del prezzo del petrolio. Cos'altro succede quando il prezzo del petrolio aumenta? Anche il loro prezzo delle azioni aumenta, quindi stanno già dicendo indirettamente agli investitori di aspettarsi riacquisti di azioni distruttivi di valore a punti alti ciclici.

Quando guardiamo avanti cerchiamo di stimare il potenziale rendimento da dividendo sul costo che gli investitori potrebbero vedere in base al loro prezzo azionario corrente di 7.8 euro.

Gli azionisti in futuro dovrebbero aspettarsi un rendimento da dividendi sul costo compreso tra il 4,82% e circa il 12%.

Struttura patrimoniale Eni

Gli impatti di queste difficili condizioni operative sono visibili anche sulla loro struttura patrimoniale, con il loro debito netto in crescita dell'11,71%. L’equity è stato principalmente influenzato a causa delle loro grandi menomazioni, che sono diventate comuni in tutto il settore. La misura in cui ciò influisce sulla loro solvibilità e quindi sulla capacità di evitare ulteriori azioni indesiderabili dipenderà dalla loro leva finanziaria e liquidità.

Rapporti di leva Eni

Note Eni 2

Le metriche finanziarie normalmente usate che giudicano la leva finanziaria rispetto agli utili non sono purtroppo particolarmente utili durante questi periodi. Durante questi periodi di grave rallentamento riteniamo che il gearing ratio fornisca una tecnica superiore per analizzare la loro leva finanziaria, poiché i loro guadagni volatili e temporaneamente devastati hanno un impatto minore.

Quando il loro debito netto più elevato è combinato con un capitale più basso, non sorprende che il loro rapporto di leva finanziaria del 27,89% sia balzato in territorio alto al 34,94%. La loro copertura media degli interessi per il 2017-2019 del 15,66 mostra che durante i periodi di condizioni operative normali possono facilmente servire il loro debito. Ciò significa in ultima analisi che anche se la loro leva finanziaria è elevata, dal momento che è solo marginalmente in questo territorio e sono una grande azienda rimane ancora gestibile a condizione che la loro liquidità rimanga almeno adeguata.

Rapporti di liquidità Eni

Per fortuna, la loro liquidità è più che adeguata e, dati i loro coefficienti attuali e di cassa di 1,25 e 0,25, rispettivamente, si trova chiaramente in territorio forte. Ciò è stato in parte dovuto alla loro decisione di incrementare materialmente il loro saldo in contanti nel secondo trimestre del 2020.

Tuttavia, a causa delle loro dimensioni molto elevate, della loro posizione finanziaria complessiva dignitosa e della politica delle banche centrali di sostegno, non vi sono ancora motivi per preoccuparsi che non riescano a trovare sostegno nei mercati del debito per fornire liquidità e rifinanziare eventuali scadenze imminenti del debito quando necessario. Data questa situazione, non vi sono motivi per preoccuparsi del fatto che gli azionisti dovranno sopportare ulteriori azioni dolorose, come le temute diluizioni o le vendite di attività in preda al panico.

 

Conclusione

Anche se questa flessione è stata dura per molti azionisti e ha causato la riduzione di un altro dividendo, dovrebbero essere in grado di sopravvivere bene sapendo che la loro società rimane abbastanza forte da evitare ulteriori azioni indesiderabili. Eni è abbastanza cauta nell'aspettare che le cose tornino alla normalità presto. Questa potrebbe benissimo essere una posizione saggia. Purtroppo, questo ha anche l'effetto di ridurre notevolmente il potenziale di crescita dell'azienda nel breve termine. Investitori molto intelligenti che hanno un’alta propensione al rischio, di sicuro non troverebbero in ENI un valido alleato. Per persone di residenza italiana che invece sono alla ricerca di un rendimento da dividendo e non hanno modo di evitare la doppia tassazione sulle aziende americane, ENI può rappresentare una discreta opportunità di rendimento nel prossimo decennio, tenendo a mente che ci sono comunque aziende migliori nel settore.



Newsletter