Raffinazione del petrolio: buoni dividendi in crescita

04 settembre, 2019


Chi continua a guadagnare

E’ in corso una guerra commerciale con la Cina. Ma l'industria energetica americana continua a funzionare con grande successo. Perché? Perché la domanda globale di petrolio continua a crescere.

Il mondo attualmente utilizza 98,6 milioni di barili al giorno di petrolio. Secondo l'EIA la domanda globale dovrebbe raggiungere i 100 milioni di barili entro la fine dell'anno. Ecco perché i raffinatori di petrolio continuano guadagnare A causa del "Crack spread". Da non confondere con il "Fracking": i mezzi con cui i trapani odierni estraggono più petrolio dal terreno.

"Cracking" è solo un'altra parola per il processo di raffinazione: suddividere il greggio nei suoi componenti come propano, benzina, carburante per jet, diesel e distillati più pesanti come l’ asfalto. Quando i prezzi dei singoli prodotti sono superiori all'equivalente del greggio, il "Crack spread" è elevato.



Il grafico allegato mostra come mentre gli inventari scendono, il crack del gasolio si avvicina ai massimi stagionali quinquennali. Ecco perché ora investire nelle raffinerie di petrolio è una mossa intelligente.

Spunti operativi

A livello operativo un modo per ottenere visibilità è tramite l'ETF VanEck Vectors Oil Refiners, giustamente chiamato CRAK.

Le compagnie americane che possono alimentare questo mercato in crescita potrebbero raccogliere profitti. Una di questi è la società di pipeline e infrastrutture Phillips 66 Partners LP (NYSE: PSXP). Questa società da $ 6,1 miliardi è stata costituita dalla sua capogruppo, raffinatrice e gigante di medie dimensioni Phillips 66 (NYSE: PSX), come modo per gestire le sue attività a metà flusso: oleodotti di petrolio greggio, sistemi di raccolta, condutture di prodotti raffinati, terminali, sistemi di stoccaggio e raffinerie.

Phillips 66 Partners ha un paniere completo di progetti pronti che dovrebbe guidare la crescita dei ricavi, gli utili e la crescita del suo dividendo. Con un solido track record di dividendi in crescita di nove volte dalla sua nascita nel 2012 incluso l'ultimo aumento del 12,5% annunciato per il primo trimestre di quest'anno Phillips 66 (la società madre) attualmente paga un dividendo annualizzato di $ 3,60 per azione e con rendimenti di poco meno del 4%. E poiché la società madre ama vedere il LP aumentare il suo dividendo, potrebbe trasferirlo in parte alla partnership.

Nonostante tutto, Phillips 66 Partners è un affare rispetto alla concorrenza. Probabilmente perché il mercato non capisce le buone notizie fondamentali su questa azienda.


Se vuoi restare aggiornato su opportunità operative, hai la possibilità di farlo inserendo, gratuitamente, la mail qui sotto.