Il Prezzo Del Petrolio Sta Tornando A $80?

31 agosto, 2020


Da quando è iniziata questa terribile pandemia, l'industria del petrolio e del gas è stata martellata. Le cose potrebbero cambiare?

Crediamo di sì.

Prima di tutto, l'ultimo crollo di quest'anno nel petrolio e nel gas è la fine di un capitolo ribassista, parte di un grande ciclo ribassista a lungo termine per il petrolio e il gas, che ha visto circa sette anni di dolore.

Vogliamo dire, nel 2014, i prezzi del petrolio erano più di 100 dollari al barile. Quest'anno i prezzi sono crollati a 20 dollari al barile (sono addirittura andati negativi in un giorno di panico).

Proprio in quel giorno, abbiamo espresso la nostra opinione, dichiarando apertamente come fosse una grande opportunità d’acquisto.

Il crollo era dovuto a tre fattori:

1. Fornitura eccessiva

2. La breve guerra dei prezzi tra OPEC e Russia

3. Il crollo della domanda dovuto alla pandemia globale

Quest'anno, numerose compagnie petrolifere hanno presentato istanza di fallimento.

Sì, è stato un brutto momento. Ma i tempi cambiano.

L'industria petrolifera e del gas è molto ciclica. Usciamo da uno dei peggiori periodi di sempre. Infatti, i prezzi del petrolio si sono ripresi e stanno raggiungendo una resistenza importante . Ecco un grafico del West Texas Intermediate, il benchmark del petrolio greggio degli Stati Uniti ...

 

Si può vedere che il greggio sta testando una resistenza importante. Se rompe sopra quella resistenza su base settimanale, il nostro prossimo obiettivo sarebbe 65 dollari, e dopo di che, 80 dollari.  Quindi, su base tecnica, il petrolio ha il potenziale per muoversi più rapidamente.

Che ne dici dei fondamentali? Le economie di tutto il mondo stanno cominciando a riprendersi e la domanda di petrolio e prodotti petroliferi sta tornando. Ecco un grafico di una recente presentazione di Exxon Mobil Corp. (NYSE: XOM, Rated D), che mostra la domanda di carburante per il trasporto.

 

Ciò che manca ancora è la domanda da parte delle compagnie aeree e delle navi da crociera. L'aspettativa generale è che non riprenderanno le operazioni regolari fino al 2023.

Ma cosa succede se la domanda globale di petrolio torna alla "normalità" prima di allora?

Dopo tutto, la domanda di petrolio della Cina si è ripresa a più del 90% dei livelli osservati prima che la pandemia di coronavirus colpisse all'inizio di quest'anno.

Nel primo semestre l'importazione cinese di petrolio greggio è aumentata del 9,9% rispetto al primo semestre dello scorso anno. La crescita delle importazioni tra gennaio e giugno è stata più rapida del 4,9% rispetto a gennaio e marzo. Infatti, di recente, le importazioni di greggio cinese sono aumentate del 25% rispetto a un anno fa!

 

Eh. Non sembra proprio che le importazioni di un paese affetto da una crisi indotta da pandemie, vero? E con l'impennata delle importazioni cinesi, quanto ci vorra' prima che inizino ad acquistare più petrolio dall'America?

Di conseguenza, i prezzi del petrolio statunitense salirebbero.

Ovviamente, la domanda cinese sta accelerando. E gli analisti di Wood Mackenzie prevedono che il consumo di petrolio della Cina nel secondo semestre crescerà del 2,3% a 13,6 milioni di barili al giorno (bpd) rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

In effetti, la domanda in molti mercati emergenti sta aumentando. Non ovunque, certo. Le importazioni di petrolio greggio in India sono scese al minimo da cinque anni nel mese di giugno. Ma in generale, le persone in tutto il mondo stanno imparando a vivere con il COVID-19.

Ora, ecco una cosa divertente: La scorsa settimana, lunedì, l'OPEC ha iniziato a ridimensionare i suoi tagli storici di produzione, che sono stati attuati in risposta al calo della domanda innescato dal COVID-19. I traders si erano preparati per vedere i prezzi del petrolio scendere. Invece, i prezzi sono saliti.

E venerdì abbiamo avuto notizia che l'Iraq taglierà la produzione in agosto di altri 400.000 barili al giorno per compensare la mancanza del suo obiettivo di produzione nei mesi precedenti. Questo  secondo una dichiarazione da parte dell'organizzazione statale Somo.

Quando i prezzi salgono su quelle che dovrebbero essere cattive notizie, di solito è rialzista.

l'American Petroleum Institute (API) ha registrato un calo delle scorte di petrolio greggio di 8,587 milioni di barili per la settimana che termina il 31 luglio. Gli analisti avevano previsto un modesto calo di 3,267 milioni di barili.

E sono appena emerse notizie più rialziste: mercoledì 5 agosto, è stato riferito che le scorte di greggio negli Stati Uniti sono scese al livello più basso in più di tre mesi.

Ora aggiungiamo che la produzione di petrolio negli Stati Uniti è scesa da 13,1 milioni di barili al giorno del del 13 marzo a 11,1 milioni di euro al 24 luglio. Secondo l'Energy Information Administration (EIA, Energy Information Administration) è stato a quel livello per 2 settimane.

Questi sono tutti i primi indicatori che il mercato petrolifero ha toccato il fondo. Certo, le cose possono cambiare. La Cina potrebbe smettere di comprare petrolio per qualche motivo. Ma vale la pena prendere in considerazione il petrolio.

Come si può sfruttare questo

Come per l'oro, preferiamo avere azioni e fondi che hanno i ricavi derivanti petrolio stesso. L’ETF più famoso è il Fondo SPDR del settore Energy Select (NYSE: XLE). Ma se avete voglia di più rischio e di una potenziale ricompensa più grande, si potrebbe anche prendere in considerazione l’ SPDR S&P Oil & Gas Exploration & Production ETF (NYSE: XOP).

È inoltre possibile acquistare singole azioni. Questo è quello che faremo noi tra poco.

Assicurati di essere iscritto alla newsletter qui sotto per essere notificato dei nostri movimenti.

Con affetto,

Il team di ZoomProfit