Il nuovo quantitive easing stavolta funzionerà?


Mario Draghi ha deciso che QE sarà rilanciato; l'allentamento quantitativo, il riacquisto del debito sovrano dei paesi della zona euro, riprenderà a € 20 miliardi al mese per tutto il tempo necessario, ha annunciato il 12 settembre in una conferenza stampa.


In realtà è molto più grande di quel che sembra

In pratica, questo nuovo QE sarà più elevato poiché i 2600 miliardi di euro accumulati dalla Banca centrale europea nei suoi precedenti QE (da marzo 2015 a dicembre 2018) sono mantenuti esattamente a questo livello, il che significa che i prestiti che maturano e quindi forniscono il rimborso vengono reinvestiti in nuovi titoli, come indicato. Ciò corrisponde a circa € 16 miliardi al mese. Il vero QE, che inizierà il 1 ° novembre, sarà quindi di 36 miliardi di euro al mese, o 432 miliardi di euro all'anno. Questo è più che sufficiente per mantenere i tassi di interesse a zero o in territorio negativo.


I tassi negativi ad ora non hanno portato a nulla

Mario Draghi ha avuto il coraggio di dire che "i tassi negativi sono stati in realtà un'esperienza molto positiva in termini di stimolazione della crescita, sostegno all'inflazione"; mentre non ci sono stati assolutamente progressi su questi due indicatori, che rimangono disperatamente lenti. In realtà i tassi a zero incoraggiano le grandi società non redditizie o in perdita a prendere in prestito per sopravvivere, mentre scomparirebbero in un normale contesto di tassi di interesse (il fenomeno delle "società zombie"), che mantiene un eccesso di capacità produttiva, e provoca un effetto depressivo sulla crescita e sui prezzi. Il presidente della BCE ha incoraggiato ciò che denuncia. Tuttavia, riconosce che questi tassi negativi hanno "effetti collaterali negativi". In effetti, affondano le banche schiacciando il loro margine di interesse, la loro principale risorsa (raccolta di depositi dai risparmiatori pagando loro interessi e prestiti a un tasso più elevato a società e acquirenti immobiliari, e quindi intascando la differenza; ma ora è finita). Nessun problema, saranno in grado di prendere in prestito liquidità dalla BCE al -0,50% (programma TLTRO 3) e quindi impegnarsi nella cavalleria finanziaria.


Nessuno protesta?

Questa volta, va notato, le proteste pubbliche sono state fatte, in questo caso da Jens Weidmann, il presidente della Bundesbank: ha dichiarato che la BCE ha "oltrepassato il limite" e che "non era necessario un pacchetto così vasto”. Ha aggiunto che "questa decisione di acquistare più debito pubblico renderà più difficile per la BCE uscire da questa politica. Più a lungo (tali politiche) durano, più aumenteranno gli effetti collaterali e i rischi di stabilità finanziaria della politica monetaria molto espansiva ". Una diagnosi perfettamente lucida per chi era stato atteso per anni per assumere il controllo dell'istituzione monetaria, prima di essere superato all'ultimo momento da Christine Lagarde, una seguace di questa politica lassista, come abbiamo dimostrato. Un'occasione mancata per l'euro, per l'Europa, per cui rischiamo di pagare un prezzo molto alto. Nel frattempo, l’effetto dei tassi negativi continua a diffondersi: ad ottobre Lombard Odier diventerà la prima banca francese a tassare i contanti dei suoi clienti e altre banche francesi stanno valutando di utilizzarlo. Sono interessati solo depositi superiori a 1 milione di euro




Newsletter